Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Giornata nazionale CAI – Sentiero storico – Caprera

domenica 8 ottobre, 2017 ORE:06:30--17:00

Sentiero storico –  Caprera – Giornata nazionale CAI – diff. E – durata 5/6 ore -partenza v. Budapest  – Auto – accomp. Cugia – Deiana (collaboratori G. Onida – A. Cano)

Escursione n. 21/2017

Data  8 ottobre 2017

Località  Caprera (La Maddalena)

Accompagnatori  M.G. Cugia ASE – C. Deiana ASE

Collaboratori  Gino Onida, Angelo Cano

SCHEDA TECNICA

Trasferimenti  auto

Ritrovo via Budapest ore 6,30 – 9,30 banchina porto de La Maddalena

(Suggerisco ai soci di fare il biglietto del traghetto per l’andata e ritorno, si usufruisce di un piccolo sconto, e di compattare al meglio le auto per razionalizzarne ulteriormente il costo. Nel caso qualcuno preferisca partire il giorno prima, organizzandosi autonomamente per il pernottamento, io sarò li già dal sabato. Per la mia esperienza la strada che ho trovato più comoda è la litoranea fino a Santa Teresa – Palau. Arrivati al porto di Palau se è possibile prendete il traghetto tutti insieme per evitare che si allunghino i tempi di attesa. Grazie, a domenica, Maria Giovanna)

Tempo di percorrenza   4 ore escluse soste

Lunghezza 10 km.

Dislivello  130 m.

Difficoltà  E con passaggi su roccia

Tipo di terreno   sentiero e tratti di sterrata.

Interesse storico, naturalistico, paesaggistico.

Segnaletica  uomini di pietra e segnaletica CAI verticale.

Caratteristiche climatiche  soleggiato ma in genere ventilato.

Avvertenze particolari  si tratta di un percorso che, pur essendo catalogato E richiede, in alcuni  brevi tratti, particolare attenzione per alcuni passaggi fra le rocce.

In occasione della giornata nazionale dedicata ai sentieri storici, la sezione di Sassari propone una giornata di escursione nell’isola di Caprera.

Come ben sappiamo fin dalla metà del 1700 e soprattutto nei primi anni del 1900 il territorio dell’Arcipelago de La Maddalena era un obiettivo militare molto importante per la sua posizione geografica decisamente strategica, prima con l’interesse dei sardo- piemontesi, fino a quello dei francesi e non ultimi degli inglesi, in occasione dell’ultima guerra mondiale. Per questo motivo sul suo territorio possiamo trovare numerosi insediamenti militari, altrimenti chiamati Batterie.

La nostra escursione avrà inizio presso il forte Arbuticci, restaurato negli anni recenti e sede del Compendio Garibaldino.

La meta della nostra escursione sarà la Batteria di Candeo e quella di Messa del Cervo. Due fortificazioni anti-nave la cui costruzione è avvenuta tra la grande guerra e la seconda guerra mondiale. Sono entrambe molto interessanti per il la loro costruzione perfettamente mimetizzata con l’ambiente circostante. Dal momento che con la seconda guerra il nemico arrivava anche dal cielo si è reso necessario rivestire le costruzioni in cemento con dei blocchi di granito disposti con abile maestria per renderne difficile l’identificazione. Il percorso continua lungo il mare, verso Punta Crucitta, la parte più settentrionale dell’isola, un piccolo istmo con una piccola spiaggia, proseguiamo verso Punta Galera, una zona molto interessante dal punto di visto geomorfologico per le sue rocce ricche di minerali, e seguendo il sentiero arriviamo alla bella Cala Napoletana, dove se il meteo lo consente si potrebbe anche fare un bel bagno in una delle due spiaggie. Il sentiero di risalita verso il punto di partenza ci consentirà di godere degli scorci paesaggistici di particolare bellezza, ammirare splendidi tafoni dalle forme fantastiche e  ginepri fenici contorti dal generoso vento di ponente che governa l’intero arcipelago.

Rientrati al punto di partenza, se in tempo lo permette prima di ripartire per la Sardegna (come dicono i maddalenini), possiamo spostarci in auto verso il borgo di Stagnali, l’unico centro abitato dell’isola di Caprera. Si tratta di un insieme di costruzioni nate agli inizi del ‘900 per ospitare la Compagnia del Battaglione Bersaglieri ad uso alloggi, magazzini, uffici, cucine, refettorio e stalle per cavalli e muli. Oggi il borgo è sede del Centro di Educazione Ambientale,  del Museo Geomineralogico e del Museo del Mare e delle Tradizioni Marinaresche e alcune di queste costruzioni sono alloggi privati. Poco distante si trovano le batterie di Poggio Rasu inferiore e Poggio Rasu superiore costruite verso la fine del 1800.

Grazie e buone escursioni. imgp1969

 

Dettagli

Data:
domenica 8 ottobre, 2017
Ora:
06:30--17:00
Categorie Evento:
,