Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Montarbu, Niala, Margiani Pubusa

domenica 15 Maggio, 2022 ORE:07:30--17:00

Escursione n.14: Montarbu, Niala, Margiani Pubusa – diff. E – 8 mag. – M.B.Salis, L. Tavera, M. G. Cugia

Località Barbagia di Seulo – Foresta Demaniale di Montearbu –

Parco di Niala – Casermetta di Ula – Rio Ermulinos

prenotazioni fino a venerdì messaggio a Maria Bruna 347 2497115

SCHEDA TECNICA

Trasferimenti Auto proprie

Ritrovo Parcheggio Monserrato, Via Budapest, ore 7.30

Percorso stradale direzione Nuoro SS 129 trasversale sarda, seguire le indicazioni per Mamoiada/Lanusei/Oliena/Orgosolo, superare il bivio di Villagrande Strisaili, svoltare a destra, attraversare il ponte superato il cartello Foresta demaniale di Monarbu fino a arrivare a Gairo Taquisara, svoltare a destra sulla SS 198 in direzione Ussassai fino ad arrivare al Ponte di San Girolamo, voltare a destra per immettersi nella Foresta Demaniale di Montarbu fino ad arrivare al Parco di Niala.

Itinerario a piedi Parco di Niala – Casermetta di Ula – Rio Ermulinos

Tempo di percorrenza 5 ore (A/R)

Lunghezza 8 km

Dislivello 534 m.

Difficoltà E

Tipo di terreno carrrareccia, accidentato

Interesse Naturalistico, paesaggistico, storico

Segnaletica segnaletica CAI, qualche omino,

Caratteristiche climatiche pioggia e schiarite

Avvertenze particolari portare zaino, mantella scaccia pioggia, pranzo al sacco

Mappa percorso e profilo altimetrico (quando rilevati) ………………………………

Nota: l’escursione potrà subire variazioni relative alla situazione meteo

DESCRIZIONE GENERALE

Ponte Su Tuvu Niennu

Dal punto di vista paesaggistico il territorio di Ussàssai si presenta alquanto variegato e ricco di risorse quasi uniche: estesi boschi, numerose sorgenti, che alimentano ruscelli e torrenti che si riversano nel rio S. Gerolamo, grotte e cavità carsiche. L’ambito più interessante e complesso è rappresentato da “Su pissu ‘e Irtziòni”, contiguo alla riserva naturalistica di Montarbu di Seui, un vero paradiso per gli appassionati di trekking e birdwatching. Esso è costituito da torrioni calcarei ricoperti da un fitto bosco e solcato da ruscelli torrenziali e dal Rio di San Girolamo e dove all’altezza del ponte dell’omonimo rio, attraverso una stradina laterale bianca, si possono ammirare le meravigliose piscine di Caddargiu ‘e Sini. Tra le numerose sorgenti le più rilevanti sono quelle di Niàla, S’orgiola ‘e Ambèrda, Su Tuvu Nieddu, Su Tustoinu. Questo meraviglioso compendio naturalistico è inoltre attraversato dalla linea ferroviaria delle FdS, che in questo tratto annovera ben due fermate. Soprattutto nel periodo estivo, parecchi turisti si spostano dalle località balneari della costa (sia da Arbatax che da Cagliari) per salire fin quassù, con il Trenino verde, attratti dalla bellezza del paesaggio, in un virtuoso processo di alternanza. La linea ferroviaria al momento è sospesa. Non lontano dall’area attrezzata presso il punto di ristoro di Niàla, merita di essere visitato Su Tuvu Nieddu, sito unico nel suo genere, dove il fiume, nel corso del tempo, ha scavato un suggestivo “ponte” naturale nella roccia calcarea. Seguendo il tracciato del sentiero T-114 attraversando una vecchia carrareccia si può ammirare il bosco con la splendida lecceta di Taccu Mannu (territorio di Ussassai) passando per la vecchia stazione ferroviaria di San Girolamo. Dalla stazione si prosegue fino al Centro Servizi della Foresta Demaniale di Montarbu – Ula). Il sentiero prosegue ed è vivacizzato dal Rio Ermolinus, che crea nel cuore della foresta un armonico insieme di vaschette di travertino (piscinas) con ponticelli in legno, tra rocce e piante acquatiche, se si è fortunati si può notare la trota sarda. Lungo il percorso le carbonaie (fogaiasa), sono il segno dal lavoro dell’uomo, insieme ai vecchi canali (Is corasa) che portavano l’acqua agli orti, e ai terrazzi coltivati. La flora è costituita da agrifoglio, tasso, carpino nero, frassino, ontano, leccio e cedro. L’area è ricca di siti di valore geologico e geomorfologico di rilevante interesse scientifico e ambientale. Il paesaggio dei Tonneri è caratterizzato da elevati tacchi calcarei, tra cui svetta la Pizzu Margiani Pubusa con i suoi 1324 m., da spettacolari fenomeni di erosione e carsismo che offre all’osservatore uno straordinario patrimonio di valori costituito da grotte, polje, doline, paleovalli, gole, città di rocce, campi carreggiati, ecc. che ne fanno un luogo unico per il turismo naturalistico e il geoturismo. Dal 1980 l’intera superficie della foresta è diventata oasi di protezione faunistica. Tra le specie animali presenti ricordiamo il Cervo Sardo e il Muflone, facilmente osservabili, diventati simbolo del territorio. La foresta, particolarmente ricca d’acqua, è lambita dal fiume Flumendosa. Questa è la più alta vetta del compendio demaniale di Montarbu: Pizzu Margiani Pubusa (punta della volpe e dell’ upupa) dai suoi 1324 metri offre uno spettacolare panorama che va dalla falesia del Monte Tonneri, alla vallata del Flumendosa e il Gennargentu di Arzana a nord; alla zona di Perda Liana ad est; alla foresta di Montarbu, di Taccu Mannu ed ai tacchi d’ Ogliastra a sud; alla Barbagia di Seulo a ovest.

 

Norme di comportamento da tenersi durante le escursioni

Ogni componente del gruppo durante l’escursione starà sempre dietro l’accompagnatore, non uscendo mai dal sentiero, e ne dovrà seguire scrupolosamente le indicazioni; il non attenersi vale come rinuncia implicita al nostro accompagnamento ed alla assicurazione del CAI.

Chi dovesse fermarsi per qualsiasi motivo (necessità fisiologiche, fotografie, ecc.) lasci lo zaino lungo il sentiero in modo che l’accompagnatore che chiude la fila dei partecipanti saprà che deve attenderlo.

Non si lasciano rifiuti di alcun tipo; i rifiuti si riportano a casa (anche quelli degradabili);

Ogni infrazione può essere motivo per l’esclusione alle successive escursioni.

Dichiarazione di esonero di responsabilità

Il Club Alpino Italiano promuove la cultura della sicurezza in montagna in tutti i suoi aspetti.

Pur tuttavia la frequentazione della montagna comporta dei rischi comunque ineliminabili e pertanto con la richiesta di partecipazione all’escursione il partecipante esplicitamente attesta e dichiara.

  • di non avere alcun impedimento fisico e psichico alla pratica dell’escursionismo; di essere idoneo dal punto di vista medico e di avere una preparazione fisica adeguata alla difficoltà dell’escursione.

  • di aver preso visione e di accettare senza riserva alcuna il Regolamento Escursioni predisposto dal CAI, Sezione di Sassari e le norme di comportamento sopra richiamate.

  • di aver letto con attenzione la descrizione e la scheda tecnica della presente escursione (informandosi, quando il caso, con l’accompagnatore responsabile) e quindi di ben conoscere le caratteristiche e le difficoltà della stessa.

  • di assumersi in proprio in maniera consapevole ogni rischio conseguente o connesso alla partecipazione all’escursione e pertanto di esonerare fin d’ora il CAI sezione di Sassari e gli Accompagnatori di Escursione da qualunque responsabilità.


Dettagli

Data:
domenica 15 Maggio, 2022
Ora:
07:30--17:00
Categorie Evento:
,