Club Alpino Italiano
sezione di Sassari

Caserma Bolostiu, lungo il Sentiero Italia – Alà dei Sardi

  • Data: domenica 11 Febbraio 2024

Escursione Annullata per condizioni meteo non favorevoli

Escursione n. 3

Accompagnatori e Prenotazione  Maria Bruna Salis 347 2497115 ( guida ASE) – Giuseppe Pais  cell 3337390282

Località  Foresta Demaniale di Bolostriu– Comune di Alà dei Sardi  (Sa Cazza Noa – Su Fossu Malu)

SCHEDA TECNICA

Trasferimenti:  Auto proprie

Ritrovo:  Ritrovo ore 7.00 Parcheggio Via Budapest  –  ore 7.015 partenza  – Secondo ritrovo:  8.15 ritrovo ad Alà dei Sardi Piazza del Popolo        

Percorso stradale:  https://maps.app.goo.gl/VhR3AL5kM23VHmTk8 (Sassari – Alà dei Sardi)

Accesso stradale – Descrizione itinerario a piedi:

Dall’abitato di Alà dei Sardi si svolta in Via Antonio Segni, indicazioni per sito archeologico Sos Nurattolos e  dopo aver percorso tutta la via, si gira a sinistra direzione N diretti verso il campo eolico, si oltrepassa la Madonna delle Nevi procedendo diretti sulla pista principale (sterrata, talvolta cementata) che poco dopo al bivio sale a dx. Si attraversa sul crinale il parco eolico, poi in discesa ad un bivio si svolta stretto a sx e si continua sulla strada sterrata fino ad arrivare al cancello dell’aera forestale di Bolostiu (divieto di transito), continuare sempre sulla pista principale fino ad un guado sulla sinistra. Attraversarlo e proseguire sulla strada principale che qui diventa più sconnessa. Si scende fino arrivare a trovare uno spiazzo con un bivio a sinistra che porta subito ad un cancello seguito da un guado. Se non si dispone di un fuoristrada è necessario lasciare l’auto prima del cancello, o meglio ancora prima del bivio. Si prosegue oltre al guado sull’unica pista molto sconnessa, poco dopo un ulteriore guado si giunge all’ovile per poi  procedere in quota cercando di individuare una antica mulattiera che si snoda in mezzo al bosco in direzione SE (guardando la forra dall’ovile, verso sinistra), più avanti le tracce diventano evidenti, una volta fuori dal bosco procedere ancora per circa 100 mt quindi scendere a dx nella forra scegliendo il punto più comodo, indicativamente in corrispondenza di un piccolo affluente fino ad arrivare alla cascata di Su Fossu Malu. Al rientro dal cancello si svolta a sinistra in direzione Sa Cazza Noa dove dall’alto si potrà ammirare la cascata di Palinbasciu.

Tempo di percorrenza:  ore 6.00

Lunghezza : Km. 7.5

Dislivello   dislivello 250 m. (per accedere alla cascata di Su Fossu Malu è necessario superare un salto di 25 m.)

Difficoltà: EE (nella discesa alla cascata è allestito un cavo di acciaio, pertanto occorre essere in buona forma fisica e sopratutto non soffrire di vertigini).

Tipo di terreno: Sterrate e sentieri impegnativi

Interesse Paesaggistico, naturalistico:

Alà dei Sardi si eleva a quasi 700 metri in cima a un altopiano, accanto alle pendici della lussureggiante regione storica del Monte Acuto, che dà nome al territorio di cui il borgo fa parte. Alà dei Sardi, paese di meno di duemila abitanti. Rientra in un ‘mosaico’ composto da aspri e silenziosi rilievi granitici con bizzarre sculture modellate dal vento, foreste di lecci e querce, regni di muflone e aquila, vertiginose vallate con ruscelli che formano laghetti, cascate e sterrati pianeggianti con distese di macchia mediterranea. Uscendo dal centro abitato verso il territorio circostante, ci si rende conto di quanto, la sua bellezza, condizioni il carattere delle persone.  L’identità non è uno spazio, è un luogo. E’ il posto che genera e modifica le connotazioni umane. Questo territorio può essere scoperto in tanti modi, e per alcuni luoghi, sono sufficienti gambe e fiato, soprattutto camminando tra i sentieri. La foresta demaniale di Bolostiu è situata ad un altezza media sul livello del mare di 700 m, su un territorio caratterizzato da rimboschimenti di latifoglie e conifere in associazione a macchia mediterranea evoluta. In delimitati areali del perimetro forestale si possono trovare leccete in purezza.

Da segnalare due aree di interesse naturalistico in località “Sa Cazza Noa”, posta in un’area più interna e impervia di difficile accesso, dove si possono  ammirare  due  maestose cascate: cascata di Palibasciu e cascata di Su Fossu Malu.

Segnaletica:  assente

Caratteristiche climatiche:  Nuvoloso – Soleggiato

Avvertenze particolari:  GUANTI da utilizzare nel cavo di acciaio, abbigliamento, calzature adeguate, si consiglia il ricambio

Nota:  Si ringrazia la guida ambientale Bobo Mette, Responsabile dell’Associazione Culturale Andamentas, di Alà dei Sardi, per la preziosa collaborazione offertaci durante la pre-escursione.

Norme di comportamento da tenersi durante le escursioni

Ogni componente del gruppo durante l’escursione starà sempre dietro l’accompagnatore, non uscendo mai dal sentiero, e ne dovrà seguire scrupolosamente le indicazioni; il non attenersi vale come rinuncia implicita al nostro accompagnamento ed alla assicurazione del CAI.

Cercare di non distanziarsi da chi lo precede. Se ciò fosse avvenuto e ci si trova incerti sul da farsi, fermarsi e aspettare l’accompagnatore in coda al gruppo.

Chi dovesse fermarsi per qualsiasi motivo (necessità fisiologiche, fotografie, ecc.) lasci lo zaino lungo il sentiero in modo che l’accompagnatore che chiude la fila dei partecipanti saprà che deve attenderlo.

Non si lasciano rifiuti di alcun tipo; i rifiuti si riportano a casa (anche quelli degradabili);

Ogni infrazione può essere motivo per l’esclusione alle successive escursioni.

 Dichiarazione di esonero di responsabilità

Il Club Alpino Italiano promuove la cultura della sicurezza in montagna in tutti i suoi aspetti.

 Pur tuttavia la frequentazione della montagna comporta dei rischi comunque ineliminabili e pertanto con la richiesta di partecipazione all’escursione il partecipante esplicitamente attesta e dichiara.

  • di non avere alcun impedimento fisico e psichico alla pratica dell’escursionismo; di essere idoneo dal punto di vista medico e di avere una preparazione fisica adeguata alla difficoltà dell’escursione.
  • di aver preso visione e di accettare senza riserva alcuna il Regolamento Escursioni predisposto dal CAI, Sezione di Sassari e le norme di comportamento sopra richiamate.
  • di aver letto con attenzione la descrizione e la scheda tecnica della presente escursione (informandosi, quando il caso, con l’accompagnatore responsabile) e quindi di ben conoscere  le caratteristiche e le difficoltà della stessa.
  • di assumersi in proprio in maniera consapevole ogni rischio conseguente o connesso alla partecipazione all’escursione e pertanto di esonerare fin d’ora il CAI sezione di Sassari e gli Accompagnatori di Escursione da qualunque responsabilità.

Altri in programma